Quando: fondato nel 2017. Scopo: fornire consulenza legale in ambiti specifici. Perché: a partire da un’esperienza di quindici anni a Milano in uno studio boutique ed in una law firm, far crescere una nuova boutique di consulenza, propria, dinamica ed integrata. Dove: sede a Lecco, ma fondamentalmente senza limiti geografici, grazie anche alle tecnologie digitali. Metodo: uno Studio Legale aperto e comunicativo, verso il Cliente, verso gli altri Professionisti e verso il Territorio.

Menzione speciale
boutique d’eccellenza dell’anno
urbanistica e edilizia

 

Nell’VIII edizione dei Le Fonti Legal Awards, AR’Legally ha ricevuto la Menzione Speciale come “Boutique d’eccellenza dell’anno urbanistica e edilizia”.

Consulenza

 

I destinatari della consulenza legale sono i soggetti che, nelle loro attività, hanno necessità di supporto per la parte giuridica. La consulenza legale affianca anche le altre competenze – tecniche, fiscali, gestionali, finanziarie – per il buon esito di un’operazione.

Imprese-icon

Imprese e professionisti

Privati

Pubbliche amministrazioni

il ciclo di vita dell’opera

 

Anche la consulenza legale può riguardare l’intero ciclo di vita – progettazione, esecuzione, gestione – degli interventi di sviluppo immobiliare: due diligence giuridica, acquisizione, attuazione urbanistica e edilizia, BIM, appalti di lavori, servizi e forniture, gestione o eventuale alienazione.

Workshop

 

AR’Legally organizza ed interviene a workshop, lezioni e convegni nelle materie oggetto della sua attività. Divulgazione, formazione e approfondimento scientifico sono parte integrante per una della Cultura “del fare” giuridicamente orientata e per costruire momenti di confronto tra Professionisti.

Litigation

 

Nelle materie in cui svolge la sua attività AR’Legally fornisce assistenza in giudizio nei contenziosi avanti il Giudice Amministrativo – Tribunali Amministrativi Regionali e Consiglio di Stato – e avanti il Giudice Civile, sia in primo grado che nelle giurisdizioni superiori.

L’evoluzione del
diritto amministrativo

 

All’inizio si trattava di ottenere una concessione edilizia. Poi di negoziare una convenzione urbanistica. Successivamente, nel settore degli appalti e delle concessioni, di relazionarsi alla pubblica amministrazione nella sua qualità di contraente, committente o concedente. Ed ancora: si è trattato di regolare i rapporti con gli altri privati nell’ambito di operazioni connesse ad una pubblica procedura. Il diritto amministrativo – e quindi il ruolo dell’avvocato amministrativista – sono cambiati nel tempo: dalle regole di funzionamento della Pubblica Amministrazione, il diritto amministrativo si è consolidato con una importante componente contrattuale e negoziale.